Lavorare con i bambini senza laurea si può

Ma bisogna studiare lo stesso!

Lavorare con i bambini senza laurea si può ma bisogna studiare lo stesso
Nella vita non si smette mai di studiare. Lo so, è dura…

Ce lo chiedono in tanti e probabilmente ve lo siete domandato anche voi: si può lavorare con i bambini senza laurea? La risposta è sì. Ci sono diverse figure professionali in Italia abilitate a lavorare con i bambini anche senza un’istruzione superiore, cioè universitaria. In questo articolo vi parleremo di queste figure: requisiti, tirocinio, attestati e sbocchi lavorativi. Insomma, se volete capire quale corso dovete scegliere per lavorare con i bambini siete nel posto giusto. Pronti? Via!

Vuoi lavorare con i bambini senza laurea? Hai comunque bisogno di un corso di formazione

Abbiamo detto che non a tutte le figure professionali che lavorano a contatto con i bambini è richiesta la laurea. Ciò non significa che il lavoro – qualsiasi tipo di lavoro – con i bambini possa essere preso alla leggera, nemmeno l’assistenza domestica! Pensateci un secondo: anche ammesso che stiate facendo le baby sitter per conto di qualche amico di famiglia, sapreste intervenire nel modo giusto in caso il/i bambino/i che state accudendo subissero un trauma, si ustionassero in modo grave o ancora rimanessero soffocati da qualcosa che hanno ingerito? Ma il problema non sorge soltanto in caso di danni fisici. Come vi comportereste in caso di capricci o disturbi comportamentali? E in caso di eventuali campanelli d’allarme di sofferenza o patologie psicologiche?

Per lavorare con i bambini, insomma, è sempre necessario formarsi e rimanere aggiornati! Pensatela al contrario: vi farebbe piacere affidare vostro figlio a delle persone che non sanno niente di psicologia dello sviluppo, disostruzione o primo soccorso pediatrico? O magari a qualcuno che li parcheggia di fronte alla tv o a un tablet perché non sa come intrattenerli in modo educativo e creativo?

Ok è finita la parte delle domande (avete riflettuto?). Ora arriva quella delle risposte.

Corsi di formazione per lavorare con i bambini senza laurea

A parte i percorsi universitari (Scienze dell’Educazione, Scienze della Formazione, Pedagogia, ecc) ci sono diversi corsi di formazione che consentono di lavorare con i bambini. La scelta dipende principalmente da:

  1. cosa vorreste fare con i bambini.
  2. quale diploma avete
  3. quali sono le esigenze.

Cosa vorresti fare: insegnare, accudire, giocare?

Se vi sentite più portati per l’educazione e la didattica (vi piace insegnare ai bambini, guidarli nella crescita e nel loro percorso verso l’autonomia) e avete già il diploma di Liceo Psicopedagogico (ex Magistrale), potete accedere al corso di Educatrice Professionale. L’Educatrice può lavorare in qualsiasi struttura pubblica o privata: asili nido, scuole dell’infanzia, micro nidi, nidi familiari, ludoteche, baby parking, comunità. Si tratta della figura (senza laurea) più completa e preparata di tutte, che infatti può rimanere da sola con i bambini, ovvero gestire in autonomia un gruppo classe.

Diventare assistente all'infanziaSe non sei in possesso di un diploma di indirizzo psicopedagogico, niente paura: puoi accedere ad altri corsi. Una figura simile a quella dell’Educatrice è l’Assistente d’Infanzia (o Operatrice d’Infanzia). L’Assistente d’Infanzia – come dice la parola stessa – è una figura più assistenziale che didattica: accudisce il bambino, vigila sulla sua incolumità, ne cura l’igiene, lo assiste nei pasti, lavorando come operatrice domiciliare/baby sitter.

Fino a qualche tempo fa, a chi era in possesso di questo titolo era anche possibile lavorare nelle strutture private a sostegno delle educatrici, ma recentemente la normativa è cambiata e oggi non è più così.

Nella Regione Lazio viene però riconosciuta un’altra figura professionale di tipo educativo-assistenziale, ossia quella della Tagesmutter. La parola deriva del tedesco e sta per “mamma di giorno”. Questo perché già da diversi anni nei paesi del Nord Europa si è diffusa la consuetudine, per alcune donne, di accogliere in casa propria, a volte assieme ai proprio figli, altri bambini figli di mamme lavoratrici. Nasce in questo modo il cosiddetto nido familiare o nido casalingo, che si sta lentamente diffondendo anche in Italia.

Il corso di Tagesmutter riconosciuto dalla Regione Lazio conferisce al momento il titolo più versatile per chi voglia lavorare nel settore dell’assistenza didattico-educativa ai bambini. Con l’attestato di Tagesmutter è possibile infatti sia lavorare in un asilo nido e in altre strutture private, sia avviare l’attività di nido familiare, sia lavorare come baby sitter a livello domiciliare.

Per chi ama meno la componente didattica e preferisce intrattenere i bambini con il gioco, sono disponibili un po’ in tutta Italia due tipi di corso:

Ti stai chiedendo qual è la differenza? Semplice: il primo corso – più lungo e con più ore di tirocinio – ti consente, volendo, di aprire e gestire una struttura (ludoteca, baby parking e spazi ricreativi in genere). Il secondo ti insegna le tecniche di animazione per lavorare nelle strutture ricreative per bambini.

Hai la laurea ma non quella giusta? Può succedere anche quello…

Diventa tutor dsa per la tua materia

Eh sì, magari hai già preso la laurea in passato, ma non ti abilita a lavorare con i bambini. Poi è nata questa passione e pensi di essere rimasto/a fregato/a. Non è così! Innanzitutto puoi ancora seguire uno dei corsi appena descritti. Se poi sei portato per le lezioni private e/o ami la relazione educativa uno a uno, c’è il corso per diventare Tutor DSA (Disturbi dell’Apprendimento). Si tratta di una figura attiva sia a livello domiciliare, che nei centri di ripetizioni.

Siamo arrivati alla fine dell’articolo. Ti è rimasto qualche dubbio? Puoi contattarci oppure cercare il corso che ti interessa di più e chiedere alle scuole che trovi nella tua zona. Ops, ci siamo dimenticati di indicare altri due requisiti fondamentali per lavorare con i bambini:

1)      amore

2)      pazienza.

Attenzione: questi due non si possono apprendere dai libri! Per tutto il resto, buono studio!

Condividi!

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *